sabato 18 aprile 2015

(Slowly) Moving slowly

Hi everybody, this blog is (slowly) moving to my new personal website at
Thanks for your support!
Old post will disappear little by little from this blog and moved to the new site. I'll wait for you there.

Ciao a tutti, questo blog si sta (lentamente) trasferendo su, il mio sito personale. Grazie mille per aver seguito questo blog, vi aspetto nella nuova destinazione. I vecchi post verranno spostati sul nuovo sito poco alla volta (oltre ai nuovi articoli che scriverò.


lunedì 11 marzo 2013

Colorista for Android

Today I published my first Android application, called Colorista.
It is a very simple utility that allow people to extract a synthetic color palette from a photo taken with their smartphone or tablet (tough it has been designed to be used mostly with phones and will not render perfectly on huge screen devices such as those of 10" tablets.
What I want to do with Colorista is providing a basic and straightforward tool to people who work with colours and, at the same time,  practice a little with the Android developer tools. 
Here's what you see when you start Colorista: a minimalistic screen with just a "camera" button, which - surprise! - activates the camera app of your phone.  
When you take a photo, the image is compressed and analyzed by Colorista.
The final result of this analysis, a palette of the dominant colors in you photos is shown. Beneath each color thumbnail of the palette you can read its HTML-friendly, hexadecimal representation and the percentage of it weight in the photo. (0% values are approximations for percentages between 0 and 1%). 
Then, by clicking on a color thumbnail, you get a screen that contains detailed informations about the color you choose. As of version 1.0, Colorista shows info about:

  • HTML friendly representation
  • RGB components
  • CYMK (though approximated, due to loss of data that occurs when converting from RGB to CYMK representations).
  • HSV representation.

In future versions I'd like to add features like palette sharing, save palette and/or single colors, palette sorting by color component and not by percentage of weight.
Any suggestion about new features, bugs and improvements will be much appreciated!
You can download Colorista for free on Google Play.

A big thank you to my old friend Claudio Serra, who created the icon graphic for Colorista!

Android app on Google Play

sabato 20 agosto 2011

A day in Sardinia 1 - Alghero

Starting from this post, I'll try to show a mix of everyday life and tourism in Sardinia. Posts will be written in English because my purpose is communicate with people outside Italy the beauty and some bites of the culture of my motherland. You can look at these posts as a sort of invitation to discover the joy of living here.
 My English is not so good, so please forgive the inevitable grammar mistakes that will appear here and there.
Anyway, welcome to Sardinia. Please be me guests!

Some weeks ago, I spent a couple of days in Alghero, a small, fortified city in the north-western coast of Sardinia.

Most of Sardinian towns have usually two names: the Italian (official) one and the original Sardinian one. In these case, due to its mixed Catalan-Sardinian origins, it has three names: Alghero (Italian), S'Alighera (Sardinian) and L'Alguer (Catalan).

This is one of the old portal to Alghero, in a bastion facing the port.

Alghero's old town is a medieval city, mainly built in the 14th century and the 16th century by the Catalans, so it's all bastions, towers and little squares where you can wander through a lot of  small, crowded shops that sell local products like wines and jewels made with precious red coral, 

 enjoy the sea sight or just pretend you're fighting the pirates coming from the far lands on the other side of the sea...

...using one of the few remaining cannons you can find on the bastions.

When you walk, see and shop for half a day, the best idea you can have is spending your lunch time in one of the many restaurants of the city. The experience of tasting the Sardinian sea food in a wonderful terrace near the bastion is something you can't miss; anyway, the important thing now is the food, so make sure to try at least the local variant of the Catalan paella, the linguine all'astice (linguine with Homarus) or linguine all'aragosta (linguine with spiny lobster). Both dishes are delicious, but the second one can be dramatically expensive.  

There are a lot of nice restaurants: Il Macchiavello, AngedrasCasablanca, Al Tuguri and, Al Vecchio Mulino, just to name a few of them. Prices are medium, not exactly cheap but not too much expensive: more or less from 30 to 50 euros per person. 

One of the places you can go when in Alghero is, of course, the sea.
In a 20 miles distance from Alghero you can find a lot of wonderful places, but if you don't want to move too much from the city you can go here:

The name is Maria Pia a small pinewood with a beautiful beach and big sand dune, as many Sardinian beaches were 40 years ago.  It's just two miles from the city but you can have white sand, clean blue water and a lot of services.

Enough for a single day :)
Next time in Alghero, I hope I can show you my favorite place to have a coffee and some nice local products such as corals and wines.

In the meantime, if you come to Alghero, drop a comment and let me know if you liked it!

If y  

domenica 3 gennaio 2010

One week in Washington

I wanted to write an online journal of my brief stay in Washington, but (as usual?) I could just write about it on my very first day in the USA.
So, here it is a very quick photoblog about that week at the end of November.

My second day in the US was Sunday, so I took some time to have a walk in the monumental center of the Capital. This is one of the first things I saw: the statue of a French commander who helped Washington during the American Revolution. His name was Jean-Baptiste Donatien de Vimeur de Rochambeau and if take a look at his Wikipedia link you'll discover the guy had a pretty adventurous life.

You can find his statue near the White House, in the Lafayette Garden.

Here it is: the White House. 

While I was there, a anti-AIDS campaign was going on, so the rear side of the house was decorated with a gigantic red ribbon.

Walking on a early sunday morning in the clean air of the President's park, when no car crosses the Constitution Avenue, is pure bliss.  And after a ten minutes walk the impressive Washington memorial obelisk catches your eye. It is the world's tallest obelisk,  with its 555 feet 5⅛ inches (169.294 m).

Behind it, you can see the Capitol building. The photo is taken from the steps of the Lincoln Memorial, which is visually connected to the Capitol and the Washington monumnt by a straight line. You can also see the Reflecting Pool where Forrest Gump made his "speech" when he comes back from the Vietnam. Unfortunately the pool was almost empty, perhaps because of manteinance works.
In the Lincol Memorial, I could see the famous statue of Lincoln, which is basically impressive for its dimension more than its artistic value.

I got a strange sensation looking at it, for it seemed to me that its iconography was more the one of a king than the one I would use for a president.
I also visited the WWII memorial and the Vietnam Veterans memorial monument. Well, between all those so solemn and maybe-too-neoclassic buildings and monuments, I found that this modern one was the most touching. The monument is essentialy a black marble wall where all the names of the dead or "missing" soldiers are carved; a very small bronze statue, the "Three soldiers" is placed near one of the wall ends.
I was happy to know that in the jury that decided to choose this art work by young Chinese-American artist Maya Ying Lin, there was a Sardinian artist, the great Costantino Nivola.

A little controversy started after this monument design was revealed. Some wanted a more solemn and figurative style. In my opinion this wall stand on its own in the load of classicistic monuments in the surrounding. The power of the names carved in the black marble is overwhelming, the line of the wall is simple yet evocative. It is the only "living" monument in the park: veterans and volunteers polish the marble every day, they update the data and talk to the visitors in order to help them finding their relatives names or tell the stories about the war.

The Jefferson memorial is another sample of classicistic memorial: though it is quite impressive, it also seems to me a sort of poor copy of the Roman Pantheon. That's what I mean when I say that classicist architecture may be pretty but can also be annoying. 

In the following days I couldn't visit too much of the city, but I mainly visited some restuarants of the small cities near DC.
Below is an old cinema in Silver Springs.

And, in this last one, you can see the Christmas decoration of Barnes and Noble bookstore in Bethesda, near the hotel where I stayed (sorry, the photo is so bad!).  B&N is a wonderful bookstore, where people can sit and read a part of the book they are inbterested in; where you can seat on the floor without being told anything. I spent there a couple of hours and it was love at first sight!!

Last but not least, here's the evidence that many Americans have the sense of self-irony!

domenica 29 novembre 2009

Welcome to the USA!

The website is moving here

Dopo tanto Giappone mi trovo, quasi inaspettatamente, dall'altra parte del pianeta, a Washington, a pochi chilometri dalla Casa Bianca e da Mr. Obama.
Se qualcuno me lo avesse predetto tre mesi fa, gli avrei riso in faccia. Ma tan'è: la vita è piena di sorprese e questo periodo ha avuto parecchi alti e bassi.

Sono partito da Roma, condotto a Fiumicino da un simpatico e romanissimo ex camionista appassionato del nostro fil'e ferru, con cui ho condiviso un po' di chiacchiere ed un caffè prima di raggiungere il Terminal 5 dell'aeroporto. Non mi dilungherò troppo sulle stranezze delle partenze dei voli per l'America, ma il fatto che le sia necessario, da un terminal già isolato, prendere un'ulteriore navetta per raggiungere il satellite che ospita le compagnie americane ha destato più di una perplessità, in quanto in alcuni passeggeri d'oltreoceano.

Il volo è stato tranquillo: sono arrivato a Washington con un leggero ritardo, dopo circa 10 ore e 45 minuti di volo.

I controlli all'ingresso del paese sono meticolosi ma non ossessivi come si dice. E' vero: prendono i dati biometrici (impronte digitali e scansione dell'iride), ma il processo è rapidissimo ed effeciente.

Per ora non posso dire molto altro, se non ricordare il mio compagno di volo, il simpatico pompiere Scott, dal Colorado, di ritorno da un'abbuffata di monumenti vino e fiorentina tra la Toscana e Roma. E che, come prima impressione, questa città è molto pulita, ben organizzata, ma sembra tutta un'immensa periferia. Tuttavia, come mi ha insegnato Atene, la prima impressione è spesso ingannevole. Ho preso un burrito in un classico locale all'americana dal nome "Austin Grill".
Ieri era il giorno del Rigraziamento, ma qui è già zeppo di decorazioni natalizie, soprattuto migliaia di piccole lucine avvolte intorno al fusto degli alberi.

Domani, forse, saprò dire qualcosa di più. Una corsa al SevenEleven (che qui negli USA mi sembra ben poco "konbini" visto quanto mi hanno fatto pagare le due cose che preso) e poi qui a scrivere questo primo post mentre un po' di sonno, dopo una giornata di 21 ore filate, inizia a farsi sentire.

Buonanotte Washington, welcome into my life ^^

giovedì 29 ottobre 2009

Ginza photopost

La sera del 12, dedicammo la tarda serata ad una passeggiata a Ginza.
Vista la velocità con cui attraversammo il quartiere (eravamo alla ricerca di un posto buono e non troppo costoso dove mangiare... come siamo finiti allo Starbucks locale proprio non lo ricordo^^), pubblico solo alcune foto.
Ci rifaremo la prossima volta!!

Il famoso orologio "neo-neoclassico" dei grandi magazzini Wako, uno dei più famosi e prestigiosi depato di Tokyo, fondato nel 1881 e specializzato, nei suoi primi anni, proprio in orologi e gioelleria.


  Il panorama della Ginza dori, con il famoso San Ai building sullo sfondo.

Sempre il San Ai building visto da vicino. Siamo in uno dei più frequentati i ncroci del Giappone: quello tra la Ginza Dori e la Harumi Dori.  Al primo piano si trova una caffetteria davvero affollata! Qualcuno ha scritto "sembra che tutta Tokyo si trovi lì verso la fine dell'anno, come se dovesse incontrare tutte le persone della sua vita". Molto azzeccato, a mio parere!

Infine, una nuova gigantesca presenza a Ginza, un palazzo in costruzione in stile "Turning Torso", ancora privo dei neon e dell'appeal che avrà quando diverrà uno dei tanti effimeri organi vitali di questo quartiere in perenne metamorfosi.
Chissà come sarà quando torneremo a vederlo!

domenica 5 luglio 2009

Lost&found: come perdersi ed avere in omaggio una sorpresa!

Era circa l'ora di pranzo quando uscimmo dallo Hase Dera, nonostante fosse Ottobre inoltrato faceva un certo caldo, così decidemmo di dirigerci verso la stazione effettuando a ritroso il percorso della mattina. Lungo il percorso avremmo trovato dove mangiare qualcosa e dopo avremmo deciso dove andare. Non possedevamo una mappa di Kamakura, quindi non soprenderà chi ha letto alcuni post precedenti il fatto che a un certo punto non riconoscevamo più la strada!

Una delle guide sul Giappone che ho consultato suggeriva di perdersi spesso, perchè solo così si scoprono angoli che non si immaginerebbero, perchè solo così si scopre la sua anima più generosa e genuina. E se c'è un posto in cui non mi sono pentito di essermi perso quello è proprio Kamakura. Ricostruire il percorso che facemmo è stato piuttosto difficile anche con l'ausilio di Google Maps e Street View, ma paradossalmente avevamo imboccato una strada giusta senza volerlo.

Nella foto, la zona vicino all'incrocio tra la prefetturale 32 (che porta al Daibutsu) e la 311 che conduce vicinissimo alla stazione.
I vari negozi sparsi lungo la via erano un pò aperti un pò chiusi, ed era lontana l'animazione che avremmo trovato per le vie qualche ora più tardi, man mano che il pomeriggio avanzava. Più proseguivamo lungo la 311, più la zona turistica svaniva per lasciar posto ad abitazioni private, con pochissimi negozi di quartiere che coloravano in maniera tenue il paesaggio.

Forse è stato questo ad ingannarci. Dopo aver percorso circa un chilometro, infatti, decidemmo di prendere una traversa alla sinistra, convinti (giustamente) di aver sbagliato strada. Peccato che la traversa ci abbia fatto allungare il percorso per la stazione, che avremmo trovato - del tutto fortuitamente - poco meno di un chilometro dopo!
Svoltammo in un vicoletto vicino ad un luogo chiamato Sasamemachi, molto stretto ma decisamente più pittoresco della 311.

Non ricordo più il numero di volte che cambiammo strada dopo quella svolta, con i vicoli che si facevano più stretti, verdeggianti e in pendenza.
Fu per pura fortuna che dopo aver percorso tantissima strada, sbucammo in una strada più larga, la prefetturale 21, esattamente nel punto in cui svolta per costeggiare il perimetro del grande tempio Tsurugaoka Hachimangu. L'omino di Street View nella parte sinistra della foto indica il punto dove arrivammo, l'ingresso del tempio è visibile al centro della foto.

Rimanemmo esterrefatti dal solenne Torii rosso e dall'incrocio su cui si apriva una larghissima arteria che arrivava fino a dove la vista era in grado di coprire (di fatto fino al mare, per oltre due chilometri). Non sapevamo nulla di questo tempio!

La visione fu uno spettacolo. Il tempio saliva su, inerpicandosi lungo un pendio e preseguendo la linea visuale che partiva dal mare.
Attraversammo il torii e ci avviammo verso il ponte che segnava l'ingresso del tempio. La fame poteva aspettare!
Related Posts with Thumbnails